L'occhio sulla C2 - La presentazione del girone A 2019 - 2020

 

Chiamala C2 girone A. Ma leggila come una C1 mascherata.

Iniziano stasera i campionati regionali di serie C marchigiana.

Ed in campo scenderà anche il più nordista dei tre gironi di C2.

Si giocherà quasi sempre di venerdì sera, tranne quando a giocare in casa sarà il Verbena (sabato alle 15,00).

Il format sarà il medesimo della scorso campionato. E quello di due stagioni fa. Una promozione diretta in serie C1, 4 squadre ai play off, una retrocessa, 4 squadre ai play out, 4 squadre in ferie già a in ferie aprile. Sempre che non intervengano i 10 punti di distacco...

Un format consolidato quello a 14 partecipanti che ha reso intensi, incerti e palpitanti i nostri campionati di serie C2.

 

Dunque 14 società ai nastri di partenza.

8 team erano già presenti la scorsa stagione: Acli Mantovani, Amici del Centro Sportivo (ripescata), Atl Urbino 1999, Avis Arcevia, Chiaravalle, Pietralacroce ’73, Sportland, Verbena.

Se Amici, Arcevia, Sportland hanno più o meno mantenuto la stessa intelaiatura dello scorso anno, cambiando curiosamente però tutte e tre la guida tecnica, lo stesso non si può dire delle altre cinque formazioni rinforzate dal mercato estivo.

 

Una società ha ereditato un titolo sportivo: il Futsal Montemarciano, nato dalla scissione tra maschile e femminile del Città di Falconara. E dai citizens non ha preso solo categoria, ma anche diversi calcettisti.

4 sono i club neopromossi dalla serie D. Che di provinciale avevano ben poco…

L’Alma Fano si è auto retrocessa dalla B due stagioni or sono. E molti suoi validissimi attori nel nazionale vestono ancora la maglia all black.

Il Real San Costanzo, società solida nel panorama regionale, nel purgatorio della D c’era finita quasi per caso. E c’è stata solo un anno. Tornando con le idee chiare, chiarissime…

Il Senigallia ha deragliato la concorrenza in un girone ostico come il B. Con una forte matrice calcisticia che desta ora mola curiosità.

Il Vallefoglia, finalista di Coppa Marche e salito tramite play off dalle forche caudine dal più ostico girone A di sempre, ha riassunto le sembianze di quel Città Futura Montecchio, a lungo protagonista in C1 e nelle Finals di Coppa.

 

Una compagine retrocessa dalla C1.

Di solito quando si scende di categoria si perdere di motivazioni. Non è quanto successo all’Audax 1970. La discesa al piano di sotto è sembrata un gerovital per i giallorossi.

 

Insomma parte stasera un campionato più avvincente che mai.

Qui sotto vi presentiamo le 14 schede delle partecipanti.

Giocando anche a fare i prono, in base alle rose proposte nel primo turno di coppa e alle nostre sensazioni.

Naturalmente è tutto sulla carta. Of course…

Perché sarà il pallone a decidere.

Unico giudice supremo di nostro Dio del Futsal.

E sta per iniziare a rimbalzare...

 


LE 14 PROTAGONISTE

 

ACLI MANTOVANI

La squadra: il mercato della storica formazione anconetana si è rivolto per la prima volta verso giocatori non del capoluogo dorico. Questo a significare la volontà del sodalizio del presidente Sbarbati, super attivo a livello giovanile e ora anche presente nel femminile,  di volere alzare l’asticella.  Da Lima, Lucchetti ed Orlandoni, tutti dal Campocavallo, sono i colpi di spicco, ma grande attenzione va riposta su Francesco Agostinelli, uno che da juniores vanstaneggiava con la maglia del Cus Ancona, prodigi non più ripetuti negli ultimi due anni per motivi di studio. In porta ballottaggio Badini-Paolinelli, altra new entry.

Il mister: Simone Gigante, riconfermato, è alla terza stagione consecutiva in sella alla Manto, dopo una vita alle Brecce Bianche. Dopo una salvezza ai play out e il tranquillo campionato della scorsa annata questa è l’anno della maturità per mister e squadra.

Pro & contro: Su di un gruppo solido e ben centrato, sono state immesse pedine importanti per alzare il tasso tecnico. Resta da vedere in quanto tempo si troverà l’amalgama e quale sarà la produzione in termini di punti lontano dal fortino del Pala Massimo Galeazzi.

Secondo noi: centroclassifica

 

 

 

ALMA JUVENTUS FANO

La squadra: la nobile decaduta per propria scelta del futsal marchigiano si ritrova in serie C2 dopo la cavalcata della scorsa stagione nel provinciale, conclusa con la vittoria nel girone nordista di D e il secondo posto in Coppa Marche, battuta solo dal Futsal D. & G. Diversi ritorni importanti, uno su tutti Nicolas Pieri. Team con molti elementi, seppur giovani e giovanissimi, già abituati alla super velocità del nazionale. Con un fuoriclasse assoluto, Matteo Pierangeli, un extra lusso per la categoria.

Il mister: Luca Scapecchi, confermato, sarà alla terza stagione col sodalizio del presidente Patrignani. Dopo un anno di nazionale, uno di provinciale, al debutto nel regionale.

Pro & contro: Roster giovane e dinamico, completo in tutti i reparti. Manca forse un bomber in grado di tesaurizzare la solita enorme produzione offensiva degli all blacks. Certo se tornasse, come si vocifera da più parti, Federico Rondina…

Secondo noi: zona play off / vittoria del campionato

 

 

 

AMICI DEL CENTRO SPORTIVO

La squadra: il ripescaggio ha permesso al sottomarino giallo mondolfese di ritrovare quella C2 perduta nel play out del Pala Badiali. Non cambia la filosofia societaria: puntare tutto sui giovani prodotti di un settore giovanili mietitori di successi a ripetizione nelle giovanili ora insignito del prestigioso riconoscimento di scuola calcio a 5 d’elite. In un gruppo riconfermato in toto, i nuovi innesti sono il portiere Ingrao e del laterale Cirillo, entrambi provenienti dal Acli San Giovanni Bosco.

Il mister: Giovanni Angeloni, nuovo. L’arrivo di mr Angeloni rappresenta la grande novità della stagione. All’esperto tecnico ex Ostrense, Spes, Casine e Mambo Number Five il compito di coordinare la maturazione di un gruppo giovanissimo.

Pro & contro: l’ovvio contro altare di una programmazione rivolta in modo totalitario alla crescita dei giovani è la mancanza d’esperienza, a cui il solo capitan Giovanni Ditommaso non è sempre riuscito a supplire.

Secondo noi: zona salvezza

 

 

 

ATL URBINO 1999

La squadra: la rivelazione assoluta della scorsa stagione, lusinghiero terzo posto in campionato e titolo di vice campione d’Italia under 19, ha operato un mercato davvero intelligente. Patron Marco Lazzari intanto ha blindato i gioielli di casa, Pierleoni su tutti. E poi ha inserito giocatori come Cefariello e Palazzi, dal pedigree di categorie superiore ma ancora molto giovani, in grado quindi di ben integrarsi con la linea verde ducale.

Il mister: Fabio Bartolucci, confermato. Costretto anzitempo ad interrompere la carriera da giocatore, è il più giovane tecnico dei campionati regionali. al suo secondo anno al timone di una prima squadra.

Pro & contro: squadra in grado di giocare ad altissimi ritmi e quindi disfruttare le praterie di uno di campi più grandi delle Marche, il Pala Mondolce. Solo che l’effetto sorpresa è finito, perché tutti hanno imparato ormai a conoscere il valore della giovane truppa feltresca.

Secondo noi: zona play off / vittoria del campionato

 

 

 

AUDAX SANT’ANGELO 1970

La squadra: in genere le retrocessioni possono lasciare strascichi nell’evoluzione sportiva di un club. Non è quanto avvenuto nella Spiaggia di Velluto a basso rimbalzo. Il club del presidentissimo Tiziano Tarsi ha saputo rinnovarsi in estate, rilanciando la propria immagine in termini d’entusiasmo, anche grazie ad una campagna acquisti mirata a risalire immediatamente in C1. Dall’Ostrense sono arrivati il portiere Chiarizia, i tuttofare Pacenti, e Marco Petrolati, bomber Pierpaoli e il Professore Giacomini, il ritorno del figlio prodigo lontano dal Seminario dal 2013/14.

Il mister: Diego Petrolati, confermato. Terza stagione in giallorosso per Mr Petrols, è più che mai al centro del progetto, avendo puntato su un blocco di giocatori che conosce benisismo.

Pro & contro: l’innesto del gruppo ex rossoblu garantirà quell’esperienza fondamentale per supportare la classe dei tanti talenti di casa Tarsi, capitan Benigni, Conti ed Olivi su tutti. Candidata numero uno al successo finale. Da tenere a freno è il temperamento di qualche futsalista dal sangue caliente.

Secondo noi: vittoria del campionato

 

 

 

 

AVIS ARCEVIA

La squadra: il play out vincente della scorsa primavera ha coronato uno splendido girone di ritorno. L’imperativo del ds Purgatori è quello di evitare di partire come la scorsa stagione. Per questo si è puntato sulla continuità, la cui sostanziale eccezione rappresenta il cambio di manico in panchina. Altre novità sono le defezioni del centrale Manzo, salito in C1 al Pianaccio, e di uno dei fratelli Mizdrak, e l’arrivo di Zappatori dal Monserra.

Il mister: Bruno Diambra, nuovo. Il ritorno del tecnico corinaldese sulla panca biancorossa rappresenta una novità relativa, viste le due precedenti esperienze sempre in C2.

Pro & contro: partire con lo stesso gruppo rappresenta un vantaggio. Nel girone di ritorno con gli aggiustamenti di mercato dicembrini, l’arrivo del portierone Curzi su tutti, la squadra ha dimostrato di tenere bene la categoria. Ma basterà in un campionato che assomiglia sempre più ad una C1?

Secondo noi: zona salvezza

 

 

 

CHIARAVALLE FUTSAL

La squadra: reduce dal quinto posto della stagione scorsa, il mercato rosanero si è rivolto verso giocatori che garantissero un buon numero di gol. E le scelte sono state impeccabili. Se Francesco Pergolini, un ritorno alla corte del presidente Balducci, rappresenta un must della top five di qualsiasi classifica cannonieri, c’è curiosità per vedere come si muoverà Davide Barbabella, una macchina da gol nelle serie provinciali. Altre novità sono Landi dall’Anconitana, Lancioni storico ex di ritorno, Paolinelli dal Città di Falconara e soprattutto il portiere Del Cinque, vecchia conoscenza di mister Cecchini.

Il mister: Francesco Cecchini, confermato. Terza stagione chiaravallese per Mr Cecco, uno abituato a non fallire mai una stagione, con un campionato vinto e tutti piazzamenti entro le prime cinque negli ultimi sei campionati da head coach.

Pro & contro: campagna acquisti mirata per un gruppo che si conosce benissimo e proverà a dare del filo da torcere a tutti. L’età media avanzata di tanti suoi protagonisti rappresenta un pericolo e non certo un vantaggio sulle ampie praterie casalinghe del palasport di casa.

Secondo noi: zona play off/ centroclassifica

 

 

 

 

FUTSAL MONTEMARCIANO

La squadra: La società non è altro che la prosecuzione del Montemarciano c5, quinto piazzato nel girone B di serie D al suo esordio nella FIGC, dopa anni di CSI. Il mercato del presidentissimo Giuseppe Pierini si è orientato sulla conferma in toto del vecchio gruppo con i pezzi pregiati Marcondes, Martedi e Paone, con l’aggiunta di un rinforzo per ruolo. Nel ruolo di portiere è arrivato Daniele Galli dal Castelbellino, a garantire un buon numero di gol ci sarà il Principe Giordano, dal CDF l’asse centrale-laterale-pivot Di Rocco, Grassi ed Onofri, con quest’ultimo limitato nelle apparizioni per problemi di studio.

Il mister: Marco Cotichelli, nuovo. Mr Cotiga, anche uno dei più validi preparatori dei portieri della regione, è alla prima esperienza come head coach di una squadra maschile, doppo esperienze come tecnico di formazioni femminili e giovanili.

Pro & contro: l’entusiasmo di una matricola corre sempre il rischio di essere mitigato da eventuali insuccessi. Fondamentale sarà partire bene, anche per amalgamare un gruppo imperniato su due anime.

Secondo noi: zona salvezza

 

 

 

PIETRALACROCE ‘73

La squadra: ad un riconfermato gruppo in grado di condurre una scorsa stagione tranquilla, la dirigenza 73ers ha voluto aggiungere elementi di comprovata esperienza. Dal Verbena, vecchie conoscenze di Mr Marcelletti, sono arrivati il centrale Carmine Cacchione, il laterale Alex Altieri, il funambolico pivot Michele Pieroni. Dal Montesicuro Tre Colli proviene invece Guido Campofredano, inesauribile motorino da futsal. Il tutto a completare una rosa molto amplia e completa in tutti i reparti.

Il mister: Roberto Marcelletti, confermato. Mr Bobo, icona del nostro sport senza bisogno di presentazioni, è alla seconda stagione consecutiva della sua seconda vita da allenatore del sodalizio del presidente Giuliano Manna

Pro & contro: i nuovi arrivi hanno portato un indubbio bagaglio di qualità ed esperienza. Il rischio è che potrebbero frenare la crescita di qualche virgulto, vista l’elevato numero di giocatori in rosa.

Secondo noi: centro classifica / zona play off

 

 

 

REAL SAN COSTANZO

La squadra: idee chiarissime nell’anno del rientro in C2, categoria decisamente più consona alla dimensione di una società attivissima a livello giovanile. Per accompagnare la crescita dei giovani talenti in rosa, Cignotti su tutti, si è voluto implementare l’esperienza della vecchia guardia con innesti di giocatori dalla comprovata esperienza e valore. Luca Palmucci in porta, Fabio Valente in regia, Alberto Pedinelli in attacco, sono garanzie di rendimento. Per evitare scivoloni inaspettati, come due stagioni or sono.

Il mister: Nicola Baldelli, confermato. L’ex pivot del Saltara, dopo diverse esperienza da allenatore nel calcio a 11, è al suo secondo anno alla corte del presidente Serfilippi.

Pro & contro: repetita iuvant. Il bagaglio di qualità ed esperienza si è innalzato notevolmente. Il rovescio della medaglia è il possibile spazio tolto a qualche giovane in rampa di lancio.

Secondo noi: centroclassifica / zona play off

 

 

 

SENIGALLIA CALCIO

La squadra: prima volta assoluta in C2 per una società di matrice calcistica, solita presentarsi nel futsal senza troppe velleità. Ed invece nella scorsa stagione sono arrivati i primi successi anche nella palla a nasso rimbalzo. Dominio assoluto nel girone B di serie D e titolo regionale in under 15. Col solo Canonici con esperienza di categoria superiore, c’è curiosità per vedere al piano di sopra i vari Andromaco e Riccio, seminatori seriali di panico nelle difese del provinciale lo scorso anno. Ad aumentare esperienza sono arrivati Bastianoni e Breccia, ex promesse mai del tutto esplose del vivaio dei cugini dell’Audax.

Il mister: Lorenzo Bittoni, confermato. Uno dei totem del futsal della Spiaggia di Velluto, si sdoppierà come nella scorsa stagione nella duplice veste di giocatore allenatore.

Pro & contro: sbaragliata con irrisoria facilità la concorrenza nella scorsa stagione, cosa combinerà al piano di sopra? L’alto tasso tecnico calcistico supporterà la quasi totale mancanza di mestiere futsalico? Incognita assoluta per la mina vagante del campionato.

Secondo noi: zona salvezza

 

 

 

SPORTLAND

La squadra: il bel girone di ritorno ha garantito ai fanesi una salvezza tutto sommato tranquilla lo scorso campionato. E’ la società che ha cambiato meno a livello di roster, confermando tutto il gruppo dello scorso anno, ma di più a livello strutturale. Cambio di panchina e cambio di sede di gioco. Dal piccolo campo di Cuccurano i biancorossi saranno di scena infatti all’Omar Sivori di Cartoceto.

Il mister: Daniele Valente, nuovo. Il mancino classe 1985, una delle bandiere del futsal marchigiano, sarà alla prima esperienza da allenatore. In campo non difettava certo di sapienza e personalità, elementi basilari per intraprendere una carriera da tecnico.

Pro & contro: ci si ripete. Confermare in toto un gruppo in grado di raggiungere l’obiettivo stagionale rappresenta una buona base di partenza. Ma basterà in questa C2A somigliante tanto ad una C1? In più c’è l’incognita di adattamento al nuovo campo.

Secondo noi: zona salvezza

 

 

 

VALLEFOGLIA

La squadra: prima volta in serie C2 per questa società. Ma è una primizia mascherata visto che il presidentissimo Volfango Tiberi e tutta la dirigenza montecchiese non sono certo digiuni di futsal regionale. E se lo staff societario è praticamente quello della vecchia Città Futura Montecchio, gli assomiglia molto anche la rosa. La chiusura inaspettata della Futsal Pesaro ha permesso infatti di riportare al Pala Dionigi vecchie conoscenze come Hysa, Marusic, Poggiaspalla e Ripanti, facendo così tornare indietro di qualche anno l’orologio del bel palas di Via Mazzini.

Il mister: la coppia Gilberto Brancorsini – Gianluca Battistelli, confermati. Questo tandem di ex giocatori, alla terza avventura in sella al club pesarese, sono i bravi protagonisti della new age del futsal made in Montecchio. Ora in arrivo un nuovo impegnativo banco di prova.

Pro & contro: squadra dall’elevato potenziale offensivo, Dridi + Hysa + Poggiaspalla rappresentano un attacco atomico, ma bisognerà stare molto attenti agli equilibri difensivi.

Secondo noi: zona play off / vittoria del campionato

 

 

 

VERBENA C5

La squadra: dopo tanti anni di C2 e serie D il sodalizio del presidente Pierpaolo Bugatti sta cercando di mettere il becco più vicino possibile al massimo campionato regionale. Il sesto posto dello scorso anno ha solo avvicinato quest’obiettivo. Le partenze di capitan Cacchione, Altieri, Pieroni, Perfetti e dei fratelli Di Placido sono state rimpiazzate dagli arrivi di Agostini, Giachetti, Micci, Violini, Zizzamia più una nutrita truppa di giovani parcheggiati in under 21.

Il mister: Roberto Baldassarri, confermato. Alla terza stagione in via Petrarca, Mr Titti dopo tanta C2 vissuta anche col Numana ed il P’73 vuole cercare di avvicinarsi il più possibile alla C1. In piena sintonia societaria.

Pro & contro: gruppo che necessiterà di una logica fase di rodaggio visti i diversi cambiamenti. Per avvicinare le zone alte della graduatoria, solo sfiorate nel 2018-19, va eliminato il problema dello scorso anno: il rendimento deficitario in trasferta.

Secondo noi: centroclassifica / zona play off

 

 


Marco Bramucci

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.