U19 Marche: Analisi 12° giornata

 

CARA BEFANA...

Tempo di Befana, tempo di bilanci in casa delle 14 protagoniste dell’Under 19 regionale.

Dolcetti o carbone?

Per una capolista che rallenta (Real Fabriano), un’altra esagera (Cus Macerata), ma tutti, sotto sotto, qualcosa da chiedersi cosa porterà l'anziana signora dentro la calza.

Andiamo a scoprire cosa, squadra per squadra.

 

 

GIRONE A

 

REAL FABRIANO

La capolista cede nell’ultimo turno in casa della seconda in classifica (Amici del Centro Sportivo). Piccolo campanello di allarme, che però non offusca il cammino sin qui (quasi) immacolato dei pagliacci. Buone trame di gioco ben finalizzate dai bomber Domi e Cinconze.

Cosa chiedere alla Befana? Coppa Marche e Campionato, ça va sans dire!

 

 

AMICI DEL CENTRO SPORTIVO

Autentica rivelazione positiva di questo girone A, perché vincere non è semplice, ma ripetersi è il vero banco di prova. In piena corsa per entrambi gli obiettivi stagionali (in Coppa si tratterebbe di un bis) i mondolfesi stanno, come al solito, lanciando tantissimi giovani dall’Under 17.

Cosa chiedere alla Befana? Ripetersi in Coppa sarebbe da urlo, migliorarsi in campionato una splendida realtà.

 

 

RECANATI C5

Alzi la mano chi avrebbe scommesso di trovare i leopardiani alle Finals di Coppa e (praticamente) al Gold. Grande merito di Mr Benivegna e del lavoro partito dalla categoria Under 17, vera fucina di talenti di queste ultime stagioni recanatesi. Con molti dei protagonisti under 19, già a segno anche in Under 21 (bomber Riccio su tutti).

Cosa chiedere alla Befana? Se è un sogno continuare a sognare sino in fondo.

 

 

CAMPOCAVALLO

Gli osimani hanno iniziato ad ingranare forse troppo tardi per ambire al Gold, ma rimangono l’autentica mina vagante in ottica playoff (vedi la passata stagione). Recuperati tutti gli acciaccati hanno dimostrato di potersela giocare alla pari con chiunque.

Cosa chiedere alla Befana? Un po’ più di fortuna sotto porta, specie nei momenti topici dei match.

 

 

DINAMIS 1990

Falconara double face. Irresistibile quella in grado di infliggere la prima sconfitta al Real Fabriano, sin troppo arrendevole quella dell’ultimo periodo. A Mr Bellezza l’arduo compito di motivare i suoi in vista di un agguerrito girone Silver dove potrebbero giocarsi le loro carte, a patto di ritrovare la cattiveria di inizio stagione.

Cosa chiedere alla Befana? Una vittoria scaccia crisi.

 

 

VILLA MUSONE

Percorso inverso per i villans: partiti malissimo, poi il rientro di Giacomo Giuggiolini e la vena realizzativa di bomber Hamolli hanno consentito quantomeno di evitare l’ultimo posto. Nelle ultime partite prestazioni convincenti anche quando non sono arrivati i punti: la strada intrapresa sembra quella giusta.

Cosa chiedere alla Befana? Un po’ più di continuità ed avere tutta la rosa a disposizione.

 

 

AUDAX SANT’ANGELO

Impatto terribile per i giovani Campioni Under 17 allenati dal totem Crivelli. La miseria dei 4 punti raccolti non rispecchia né il valore della rosa, né le prestazioni, che, ad onor del vero ci sono sempre state, risultando alla fine quasi sempre sconfitti per poco scarto. Un punto a favore l’aver lanciato tante promesse in Under 21.

Cosa chiedere alla Befana? Di poter far tesoro dell’esperienza accumulata in questi tre mesi, per poter svoltare nel girone Silver.

 

 

 

GIRONE B

 

CUS MACERATA

Esagera la formazione di Mr Palmieri che nell’ultimo turno ne fa 14 al malcapitato Cantine Riunite. Quello che più impressiona dei maceratesi è la capacità di andare a rete con quasi tutta la rosa, e questo anche nelle gare decisive. Assorbito nel migliore dei modi la sconfitta maturata nel recupero con la Mandofutsal, i biancorossi possono ora ricaricare le pile in vista di un girone Gold per cui si candidano al ruolo di protagonisti.

Cosa chiedere alla Befana Di non sentirsi mai appagati, di essere consapevoli che il traguardo finale, mai come in questa stagione a portata di mano, è ancora molto lontano.

 

 

POLISPORTIVA MANDOLESI

Come l’Araba Fenice (e come i compagni dell’Under 21) i sangiorgesi risorgono nell’ultimo mese dalle ceneri di un inizio balbettante. Grazie a 6 successi consecutivi hanno prima agguantato e poi consolidato la seconda piazza, a sole tre lunghezze dal Macerata. Quinzi e Lantermo, anche grazie all’esperienza accumulata con i più grandi, sono i pilastri su cui ruota un collettivo sempre ottimamente diretto da Mr Pascucci.

Cosa chiedere alla Befana? Il colpaccio in Coppa Marche in primis, poi continuare con questo ritmo anche in campionato.

 

 

MONTELUPONE

Esce un po’ ridimensionato alla distanza l’arrembante Montelupone di Mr Torresi ammirato ad inizio stagione. Rispetto allo scorso anno comunque dei passi da gigante in avanti. I lupi hanno trovato in Stortoni e Savoretti due autentici trascinatori, in grado di mantenere costantemente la squadra in piena zona Gold.

Cosa chiedere alla Befana? Il definitivo salto di qualità, che consenta di vincere gli scontri diretti, soprattutto in previsione di un tostissimo girone Gold.

 

 

AUDAX MONTECOSARO

Deve recuperare il match contro il CSI Stella il sodalizio gialloblu, che per un breve periodo di tempo ha anche cullato ambizioni di primato. I montecosaresi sono comunque una certezza in Under 19/Juniores e non dovrebbero faticare più di tanto nel centrare anche quest’anno i playoff.

Cosa chiedere alla Befana? Vedere sopra alla voce Montelupone: manca poco anche al Montecosaro per fare quel salto di qualità che li proietterebbe nell’olimpo Under 19.

 

 

FUTSAL POTENZA PICENA

Segnali positivi in casa potentina in grado, con la netta vittoria sulle Cantine Riunite di porre fine ad una striscia negativa di 7 sconfitte. Buone individualità sotto porta non riescono a compensare le lacune difensive. Sicuramente la situazione potrà migliorare nel girone Silver.

Cosa chiedere alla Befana? Continuare il percorso di crescita, riuscendo nel breve a giocare alla pari con tutti.

 

 

CSI STELLA

Troppo discontinua la formazione monsampolese. I gialloblu sono all’opposto del Futsal Potenza Picena: buonissima difesa, ma attacco spesso sterile. A parte le nette sconfitte contro le prime due della classe i ragazzi di Mr Casalucci se la sono giocata alla pari con tutti, uscendo spesso sconfitti con il minimo scarto.

Cosa chiedere alla Befana? Un po’ più di cattiveria sotto porta ed un pizzico di buona sorte.

 

 

CANTINE RIUNITE TOLENTINO

Che fosse difficile ripetere i fasti della passata stagione lo avevamo scritto in sede di presentazione. Nelle ultime gare è subentrato lo scoramento in casa tolentinate, con la squadra che si è arresa quasi senza combattere. Peccato perché quando ha voluto tirare fuori gli artigli è stata in grado di fermare sull’1-1 il più quotato Montelupone.

Cosa chiedere alla Befana? Di non abbattersi mai, perché solo così si può iniziare a migliorare.

 

 

Buon anno a tutti e W il Futsal!

 

Stefano Carletti

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.