Under 19 Nazionale: Analisi 10° giornata

 

IL PAGELLONE SOTTO L'ALBERO

L’ultimo turno prima della lunga sosta natalizia è storicamente deputato a tracciare un primo bilancio del rendimento delle dieci squadre partecipanti al girone H del campionato Under 19 nazionale.

Bando alle ciance e passiamo in rassegna le varie formazioni.

 

 

ITALSERVICE PESARO CALCIO A 5

Rossiniani in testa alla classifica: non è una novità, visto il dominio delle passate stagioni. Quello che risalta sono le tre sconfitte già patite dai pesaresi e la sensazione di aver perso l’invulnerabilità che la caratterizzava lo scorso campionato, perlomeno contro i pari età marchigiani. Rendimento comunque altissimo e, siamo certi, alla lunga difficilmente sostenibile da tutti. In ottica playoff  fa però riflettere l’eliminazione in Coppa patita contro il Corinaldo. In sintesi Pesaro c’è, ma quest’anno ci sono anche le altre! Voto: 8-

 

 

CORINALDO C5

L’autentica rivelazione del torneo! Dopo un anno di anonimato l’arrivo di Mr Tonelli ha risollevato il fiore all’occhiello del settore giovanile dell’Armata Rossa. L’unico passaggio a vuoto in campionato (contro il Pesaro alla settima) è stato prontamente riscattato in Coppa. La solidità della retroguardia, miglio difesa del girone, supplisce l’assenza di un vero bomber. Occhio però: il talento di Taurisano non è (quasi) mai stato impiegato. Voto: 9

 

 

TENAX C5

Lo avevamo scritto dopo i balbettii iniziali: alla lunga il lavoro di Mr Magnaterra avrebbe pagato. Eccoli ora al terzo posto i green, a soli due punti dalla vetta e con un’incredibile striscia (aperta) di 6 vittorie consecutive. I punti fermi sono il portierone Camporeale (a segno anche l’ultima partita), il centrale Capitanelli, i prolifici laterali Carancini ed Eusebi ed il pivot scuola CUS Ancona Paccamiccio. Gli scontri diretti di gennaio ci diranno la sorte di questa Tenax, per il momento lasciamoli sognare! Voto: 9

 

 

 

ETA BETA

Il lieve calo nel finale di girone di andata costa il podio ai fanesi, comunque pienamente in linea con le aspettative di inizio anno. La formazione di Mr Iacucci cresce stagione dopo stagione, facendo della compattezza e dell’organizzazione le armi migliori per controbattere a qualsiasi tipo di avversario. Colombati, Montesi ed altri stanno anche facendo un’esperienza preziosissima in serie B. Non aver nulla da perdere potrebbe costituire il punto di forza anche ai playoff. Voto: 8,5

 

 

 

BULDOG LUCREZIA

La prima delle grandi deluse di questo primo scorcio di stagione. La presenza di Evangelisti è stata molto limitata, è vero, ma questo non costituisce un alibi per i cagnacci il cui rendimento è troppo discontinuo per ambire alle posizioni di vertice. Visti gli scalpi eccellenti (su tutti il netto successo di Pesaro) il Buldog potrebbe diventare la variabile impazzita di questo girone ed ai playoff. Occhio però: la post season è tutt’altro che al sicuro. Decisivi i prossimi scontri diretti. Voto: 6-

 

 

 

CUS ANCONA

La seconda delusa di stagione non può che essere la formazione dorica. I ragazzi di Mr Ristè, in verità, hanno oltremodo patito una sfortunata serie di infortuni che hanno di molto assottigliato la profondità del roster a disposizione. I netti successi contro Pesaro e Tenax, vengono annullati dai passi falsi contro Askl e, soprattutto Grottaccia. E lo spettro della clamorosa esclusione dai playoff è lì ad un passo! Voto: 6+

 

 

 

FUTSAL ASKL

Nel limbo gli ascolani, in linea tutto sommato con le potenzialità della rosa e pronti a tenere alta la bandiera giovanile della “città dalle cento torri”. Momentaneamente fuori dalla zona blu, ma solo a seguito dell’ultima sconfitta contro la capolista Pesaro, l’Askl si affida ad un blocco storico consolidatosi dallo scorso anno (Giorgi, Regnicoli, Chittarrini, Silmi) che garantisce reti ed esperienza e fa da chioccia ai molti classe 2002 presenti nel roster. Per guadagnarsi un posto al sole ci sarà a soffrire sino all’ultimo, ma ad Ascoli non hanno nessuna intenzione di mollare. Voto: 6,5

 

 

 

FUTSAL COBA

Fa sensazione vedere la formazione dei Little shark a soli 8 punti in terz’ultima posizione. Il gap tecnico seguito all’addio dei mammasantissima protagonisti delle passate stagioni (da ultimo Zacheo) non  è stato colmato dai  nuovi innesti. Mr Moro si ritrova così una squadra cui manca poco, spesso pochissimo per spiccare il definitivo salto di qualità, ma che troppo spesso viene tradita da sbavature difensive e da poca prolificità sottoporta. Il treno playoff sembra già scappato, resta ora da proseguire nel cammino di crescita, magari inserendo qualche talentino dall’under 17. Voto: 6-

 

 

 

POL. CAGLI CSA

Impatto durissimo per i cagliesi alla prima esperienza in Under 19. Ci sono volute ben 7 partite prima di poter esultare (contro il Grottaccia) ed abbandonare l’ultimo posto in graduatoria. Mr Anselmi sta comunque lavorando bene con una rosa giovanissima e molto futuribile. Purtroppo nella finestra di dicembre, il promettente Morbidelli (autore di 7 gol) non ha saputo resistere alle sirene del calcio minore. Voto: 6+

 

 

 

GROTTACCIA

Ci avevano illusi i cingolani: pirotecnico 7-7 al PalaCus alla prima giornata, con i dorici sotto per 1-4 all’intervallo. Poi però buio assoluto  con la formazione di Pierpaolo Ferri praticamente mai più in partita nelle successive 10 giornate. A parziale, ma sostanziale, scusante l’eta media più bassa del girone: praticamente un under 19 integralmente composta da under 17. Unica nota lieta la freddezza sottoporta di Elias Palmieri, già protagonista ai massimi livelli regionali due anni fa con i Giovanissimi del Cus Macerata. Voto: 6-

 

 


Buon feste e W il Futsal!

 

Stefano Carletti