Città di Falconara alla vigilia delle Finali scudetto Juniores femminili. Monteverdi: "E' un sogno, ma sapremo farci trovare pronti!"

 

Scudetto. Una sola parola che racchiude miriadi di sentimenti, speranze, sogni e desideri. Una parola che sembra tanto distante ma che, pensandoci, potrebbe essere molto più vicina di quel sembra.

Lungi dal fare proclami, perché lo spirito è sempre quello del sano divertimento, ma a contendersi lo scudetto Juniores Femminile ci saranno anche loro, le giovani ragazze del Città di Falconara guidate da Matteo Monteverdi e Serena Lorenzetti.

Domani, ore 18.00, sarà giorno d’esordio per le citizens nella prima gara del triangolare che le vedrà contrapposte nell’ordine a CLT Terni e Aosta C5. La formula è quella classica.

Prima gara tra le falconaresi e le umbre, chi perde giocherà il giorno seguente contro la terza, mentre la vincente scenderà in campo sabato.

Solo chi si qualificherà al primo posto accederà alla finalissima con la prima dell’altro mini raggruppamento dove figurano Lazio (campione in carica), Lanciano e Magna Graecia.

 

Abbiamo raggiunto in esclusiva per Futsalmarche.it i due tecnici, il giorno precedente la partenza per rivivere un po’ la stagione e capire come queste ragazze stanno preparandosi alla grande kermesse di Futsal giovanile

 

 

Come arrivate a questo appuntamento e cosa vi aspettate di trovare?

Matteo “Ci arriviamo bene, molto bene. Dopo qualche difficoltà iniziale e la brutta sconfitta in finale di Coppa Marche abbiamo ingranato alla grande. Di fatto non abbiamo più perso e abbiamo migliorato la vena realizzativa partita dopo partita. La rosa è tutta al completo, comprese le tre giocatrici che sono state in Nazionale di categoria. E’ chiaro che le Finali scudetto sono tutta un’altra storia ma sono certo che, al di là della giovane età, sapremo farci trovare pronti.

 

Del Città di Falconara spesso viene esaltato il grande gruppo. Potrebbe essere questa la forza decisiva in manifestazioni del genere?

Serena: “E’ la prima volta che affrontiamo finali così. Nonostante la giovane età l’entusiasmo del nostro gruppo potrà essere un punto di forza significativo.

Per quanto riguarda l’aspetto tecnico tattico non posso sbilanciarmi conoscendo poco le altre realtà, ma siamo cresciute molto nel corso della stagione e sono convinta che possiamo divertirci.

 

 

Il sogno di tutti si chiama Finalissima, quante possibilità ci sono di raggiungerla?

Matteo: “E’ un sogno hai detto bene. Con questa formula potevamo essere molto più sfortunati, mentre invece il sorteggio è stato benevolo. Nell’altro girone oltre alla Lazio ci sono Lanciano e Magna Graecia che hanno già esperienza in questi contesti, oltre al grande valore. Con noi ci sono due squadre alla portata ma vogliose di far bene. Sarà fondamentale la prima partita. Vincendo quella, possiamo permetterci di riposare un giorno e studiare l’Aosta di cui non sappiamo ancora nulla.”

 

Come giudichi questo primo anno, sia riguardo alla vostra attività con le ragazze che all’interno di una struttura collaudata come il CdF?

Serena:“Sono veramente soddisfatta di questo mio primo anno a Falconara. Ho avuto modo di lavorare con un bel gruppo che negli altri anni mi capitava di vedere da fuori. Ho sempre pensato che mi sarebbe piaciuto allenare le ragazze e alla fine ringrazio per la possibilità che mi è stata data. Collaborare con Matteo è stata un’esperienza formativa, seppur con qualche momento difficile che tutto sommato può starci”

 

Siamo ai saluti e all’in bocca al lupo

Serena: “ Prendo parola io salutando tutte le persone che mi conoscono, per non far torto a nessuno, e ringraziando particolarmente Giulia Domenichetti per gli allenamenti con le ragazze fatti negli ultimi tempi.

 

 

Peppe Gallozzi

Facebook: Peppe Gallo