Luca Copparoni: "La vittoria in coppa cancella il marchio di eterna seconda. Ed ora il Real vuole il campionato."

 

Luca CopparoniOspite di Futsalmarche.it Luca Copparoni, coach del Real Chiaravalle, fresco vincitore della coppa provinciale di Ancona e pretendente al salto di categoria nel girone C di serie D, dove conduce la classifica in compagnia della Giovane Aurora.

Ciao Luca e benvenuto nel mondo di Futsalmarche.it

“Ciao e grazie per avermi contattato.”

Un passato da portiere ed ormai da quasi due anni mister del sodalizio giallo nero. Direi un percorso decisamente precoce il tuo, visti i tuoi 26 anni. Dimmi perché hai scelto la panchina e se rimpiangi un pochino il rettangolo di gioco.

Il dispiacere per essere stato costretto da un infortunio ad appendere i guantoni al chiodo per un po’ si è fatto sentire, ma ormai sono entrato nel nuovo ruolo e va benissimo così... in fondo quando giocavo mi piaceva studiare ogni partita e ho sempre detto che a fine carriera avrei fatto l'allenatore, perciò ho solo anticipato i tempi...”

Dopo la retrocessione della passata stagione contornata dal secondo posto nella Coppa Marche di serie C2, quest'anno il vostro obiettivo sembra chiaro: la promozione. A contendervi la leadership Giovane Aurora e Cerreto Calcio. Sarà un duello a tre o pensi ci sarà qualche inserimento a sorpresa?

“Lo vedo come uno scontro fra tre corazzate, ognuna delle quali ha il suo stile di gioco ben definito e sa il fatto suo; non credo a possibili inserimenti a sorpresa delle altre, ma ci sono diverse squadre che nella singola partita possono vincere contro qualunque avversario... Vallesina in primis.”

Fresco campione provinciale dopo la vittoria sulla Cattolica Castelfidardo, raccontaci il film della finale e come ci si sente a rappresentare la provincia nella fase regionale anche se, visto come è andata a finire lo scorso anno, non ne è certo lo svolgimento.

la rosa del Real Chiaravalle 2010-2011 “La finale è stata una bella battaglia fra due squadre solide che direbbero la loro anche nella categoria superiore; per noi, dopo gli altri tentativi andati a vuoto in passato, questa vittoria ha avuto un gusto speciale e finalmente ci ha tolto di dosso il "marchio" dell' eterna seconda. L'orgoglio di rappresentare la provincia è grande e non vogliamo neanche sentir parlare dell'ipotesi di una mancata fase regionale, sarebbe un passo falso per tutto il movimento e qualcuno in federazione dovrebbe dare diverse spiegazioni dato che la fase regionale della coppa è stata garantita nel comunicato di inizio anno…”

Descrivici l’ambiente Real Chiaravalle?

Quando arrivi al Real trovi persone che per prima cosa ti apprezzano per come sei fuori dal campo, facendoti sentire come se fossi parte del gruppo da sempre. Questo è un grande vantaggio per chiunque si approccia ad una nuova realtà.”

Inoltre in rosa ci sono praticamente tutti gli effettivi che sono scesi dalla C2, segno tangibile che si è formato un gruppo unito. Oltre a questo elemento basilare ai fini dei risultati, quali altre caratteristiche spiccano nel tuo organico, sia come collettivo che come individualità?

I miei giocatori sanno tutti sacrificarsi per l'interesse della squadra, anche quando questo comporta lasciare indietro il ruolo di protagonista principale. Inoltre abbiamo costruito un organico con elementi che hanno caratteristiche complementari fra loro per poterci confrontare al meglio con ogni avversario e con ogni situazione di gioco che può presentarsi in partita.”

Per la prima volta nella stagione 2009-2010, Futsal e Real, le due squadre di calcio a 5 di Chiaravalle, si sono incrociate. Avete perso in entrambe le gare e una per di più ha sancito il trionfo rosanero. Com'è stata e com'è questa convivenza in quel di Chiaravalle?

E' stata ed è una convivenza fatta in primo luogo di rispetto reciproco, quello che c'è fra me e mister Maggiori, ma soprattutto fra i giocatori, che l'anno scorso hanno dato vita a due derby in cui il fair play l'ha fatta sempre da padrone. Complimenti a loro che li hanno vinti entrambi.

Mondo Real a parte, passiamo a qualche domanda generale. Il miglior mister che hai avuto?

Dico Fabrizio Carlini e Marco Braconi ex equo, anche se sono molto diversi fra loro.”

Come deve essere l’allenatore modello per te?

Non c'è un modello preciso da seguire, l'importante è lavorare sempre al massimo per essere apposto con la propria coscienza e magari raggiungere i propri obiettivi.”

Compagno di squadra più forte mai avuto?

Nelle giovanili dico Simone Giacchè; a livello di prima squadra fare un nome solo sarebbe riduttivo.”

Giocatore più forte sotto la tua gestione?

Davide Taddei! Peccato averlo avuto solo per poche partite.”

Chi vince il girone C di serie D?

Real Chiaravalle, ovviamente.”

Un desiderio per il 2011?

Essere ai nastri di partenza della C2 a settembre con il Real Chiaravalle.”

Facendoti i complimenti per il vostro sito, sempre molto aggiornato e completo, ti chiedo infine un giudizio su Futsalmarche.

Il nuovo sito è nettamente migliorato rispetto al precedente, più completo, più intuitivo... insomma a parer mio state lavorando veramente molto beneGrazie ancora per l'opportunità che mi avete concesso e tanti auguri di buon anno allo staff e a tutti i "seguaci" di Futsalmarche!”

 

Il Regista

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.