Valtesino c5, il Ds Simone Pomili para e rilancia: "Per la promozione ci siamo, mercato ottimo. Mister Mascitti? Un allenatore vincente."

 

Simone Pomili, ex portiere e nuovo direttore sportivo della Valtesino c5Stagione sportiva 2011/2012, campionato provinciale Serie D girone L, Palasport di Ripatransone. Il sottoscritto si accinge, munito di manuale del buon opinionista e tablet alla mano, ad annotare tutte le giocate da antologia che i protagonisti della imminente gara regaleranno al pubblico presente. Ad un tratto dal tunnel che dagli spogliatoi conduce al campo di battaglia, sbuca un impacciato ragazzotto claudicante: piede gessato e stampelle. Lo guardo, lo osservo, è nervoso, come sempre, sente la partita tanto quanto i suoi compagni ma, sapendo di non poter presidiare la sua amata porta, appare molto più irascibile del solito. Lo stuzzico con una battuta, lui si volta e brandendo la stampella risponde ironico:"Vengo lassù e te la spacco in testa."

Quel ragazzone è Simone Pomili, portierone e manager della Valtesino c5.

Nel tempo degli apertivi, delle feste di apertura illuminate dai falò e condite di gamberetti, con la Coppa Marche al via e tutti gli occhi puntati sulla formazione dei gironi dei campionati giovanili, Futsalmarche.it torna puntuale a parlare dei volti e dei protagonisti del pianeta più incredibile del futsal nostrano: la serie D. E lo fa con un omaggio al direttore sportivo più intransigente, ostinato e bramoso di tutto il piceno.

 

Ciao Simone. Benvenuto.

“Ciao Alfredo, che piacere sentirti!”

 

Piacere mio. Cominciamo subito, prima domanda: chi si nasconde dietro il direttore sportivo ed ormai ex portiere della Valtesino?

“Si nasconde un trentenne padre di due figli fantastici, innamorato pazzo di questo sport, che per motivi fisici ed esigenze familiari si e’ momentaneamente dovuto allontanare dai campi da gioco. E’ iniziato tutto per scherzo, convincendo l’anno scorso Gianni Mora a venire da noi. Poi mano a mano mi sono accorto che sono più bravo a prendere un giocatore che parare un tiro libero e dunque, eccomi qua! Mi sono ritrovato a ricoprire un ruolo che sinceramente mi piace moltissimo, altrimenti non avrei speso 150 euro di telefonino in un mese!”

 

Si riparte dunque, come procede la preparazione? Sui social networks sembra che l’opera più famosa di Munch (L’urlo) raffiguri i volti dei tuoi giocatori alla notizia delle ripetute imposte da mister Mascitti.

“Si, finalmente si riparte e non vedevo l’ora! La preparazione procede benissimo. Il gruppo è unito e, a parte qualche acciacco, sta andando veramente alla grande. Le ripetute, come tu ben sai, piacciono solo a quelli che siedono a bordo campo a godersi la scena. I ragazzi sanno benissimo che si ritroveranno tutto fra una quarantina di giorni. Comunque, volenti o nolenti, devono fare ciò che dice il mister…”

 

Valtesino c5 2011-2012

 

Eh già, non c’è che da fare ciò che dice il mister, a proposito,  c’è stato un avvicendamento in panchina. Hai sollevato mister Marcantoni dall’incarico?

“Io sono l’ultima persona che può sollevare Massimo (Marcantoni, ndr) dall’incarico. Come pochi sanno, oggi questa società esiste grazie a lui ed al nostro grande capitano De Carolis: loro sono i fondatori della Valtesino. Semplicemente, abbiamo deciso insieme che quest’anno si occuperà della parte atletica e preparerà i nostri tre portieri. E non conosco persona più adatta a ricoprire questi incarichi.”

 

Valtesino c5Portagli i miei saluti. Ma quindi il nuovo trainer chi è?

“Il nuovo trainer è Salvatore Mascitti, volto noto del calcio a 5 sambenedettese: una persona di carattere che mette tutto se stesso su ogni cosa che fa per la squadra. Pretende il massimo da tutti, ma soprattutto da se stesso. Insomma se dovessi descriverlo con un aggettivo direi vincente.”

 

E se c’è qualcuno che, per caso, decide di non dare il massimo?

“Beh, la tribuna a Ripa è grande!”

 

Però, che presentazione! Ma andiamo avanti: Lorenzo Ariozzi, ex Porto San Giorgio (serie B), Manuel Papetti, ex Kaos Futsal Bologna (serie A), e chissà chi altro. E’ stato un bel mercato estivo…

“Per Lorenzo è stata dura, ma alla fine l’abbiamo spuntata noi, siamo riusciti a battere la nutrita concorrenza sul tempo.”

 

Certo, immagino i tuoi mezzi di persuasione! Continua pure…

“Poi Manuel Papetti, esperienza in serie A, sicuramente sarà fondamentale per affrontare questa stagione, senza dimenticare Guido De Angelis, ex GMD (calcio minore, ndr), Paolo Pignotti, ex Futsal Prandone, Claudio Di Pasquale, ex Carassai e Gian Marco Tassi, giovane preso in prestito dal Caffe’ Portos. Diciamo che è stato un mercato molto, ma molto buono!”

 

Lorenzo Ariozzi e Simone Pomili nella classica foto post firma

Direi spumeggiante, in pieno stile Valtesino, ma parliamo anche dei senatori: Gianni Mora, il capitano De Carolis e tutti gli altri, cosa ti aspetti da loro?

“Dai senatori mi aspetto soprattutto che facciano sentire a casa i nuovi arrivati e che confermino impegno e prestazioni dello scorso anno: d’altronde, non ci hanno mai deluso. Il nostro capitano è fondamentale, un vero trascinatore, e Mora, beh, non deve dimostrare niente ormai, i numeri parlano per lui.”

 

Verissimo, ad oggi è un’immagine sacra! Raccontaci adesso come farai a bilanciare la tua voglia di vincere con la voglia di movida del gruppo.

(ride, ndr) “Non sarà facile sicuramente, visto l’andazzo di quest’estate! Non è che si può vietare ai ragazzi di divertirsi e comunque ci penserà mister Mascitti, lui sa perfettamente come gestire la situazione. Come ti ripeto le tribune del palazzetto sono in attesa di chi non avrà voglia di vincere.”

 

Da esperto di mercato e del mondo della D quale sei, chi è il giocatore che avresti voluto con voi e che non sei riuscito a prendere?

“Direi te ma purtroppo non ce l’ho fatta…”

 

Troppo buono, sarei venuto volentieri e lo sai, ma conosci i miei impegni, e poi, caro Simone, io e te nella stessa squadra dureremmo 15 giorni!

“Forse hai ragione!” (ridiamo, ndr)

 

Scherzi a parte, adesso diccelo, senza bugie: quest’anno si punta a salire?

“Quest’anno direi proprio di si, il mister ha tutti gli elementi per portare questi ragazzi a coronare un sogno iniziato tre anni fa.”

 

Io ve lo auguro, lo meritate. Siamo ai saluti..

“Rimpia devo assolutamente ringraziare alcune persone, posso?”

 

Da sinistra, Massimo Marcantoni, Emidio Giangrisostomi, Roberto Piunti e Marco Marchetti

 

Prego.

“Il Griso (Emidio Grisostomi, ndr), Nerio Seghetti, Rp7 (Piunti Roberto ndr), Marco Marchetti ed il nuovo dirigente Domenico Allegretti: se oggi stiamo parlando del nuovo campionato, è anche grazie a loro!”

 

Ok! Allora grazie Simone ed un immenso in bocca al lupo da parte mia e di tutta la redazione. Buon lavoro ragazzi.

“Grazie a voi per tutto il lavoro che fate ogni anno, siete veramente unici e sembra proprio che abbiate ricominciato alla grande! Sempre avanti Futsalmarche!”

 

 

Rimpiazzista Futsalmarche

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.