Le Finals Cup a Cerreto D'Esi, parla il presidente dell'APD Thierry Apo: "Preparatevi a un'edizione spettacolare"

 

Dal 3 al 6 gennaio Cerreto d'Esi e il suo Palacarifac rinnovatissimo ospiteranno le Finals Cup 2019-2020.

Un grande evento, il più grande tradizionalmente del Futsal marchigiano, che sarà curato nei minimi dettagli.

Parola di Thierry Apo, presidente dell’APD Cerreto d'Esi, società organizzatrice.

 

Come nasce l’idea di ospitare le Finals?

“Quest’idea nasce dopo l’impossibilità di usufruire del nostro impianto sportivo per tre mesi. Volevamo, e vogliamo tuttora, festeggiare la riapertura insieme alle Società presenti, ma soprattutto far conoscere ancora di più il Calcio a 5 che, al giorno d’oggi, rischia di subire l’ombra del calcio tradizionale. La nostra intenzione è quella di far capire l’importanza di questo sport e quanto debba essere considerato uno sport a sé e non un ripiego al calcio a 11.”

 

Che edizione dobbiamo attenderci?

“Preparatevi a un’edizione spettacolare, non grazie alle luci, o agli effetti speciali, ma alle squadre che calcheranno il nostro parquet. Aspettatevi una sana competizione, unita al bel gioco, alla lealtà e alla giusta cattiveria agonistica. Tutte le squadre partecipanti daranno il massimo per lasciare positivamente esterrefatti i tifosi che accorreranno al palazzetto.”

La Finale dello scorso anno tra Campocavallo e Jesi

Nella vostra lettera di ringraziamento quanto spirito di gratitudine c’è?

“La lettera di ringraziamento è stata scritta di getto, e contiene una minima parte di quello che sentiamo in questo momento. È diretta a tutte le persone e società che, anche con un piccolo gesto, ci sono state vicine in un momento così duro, e ci hanno permesso di trascorrere questi mesi con più tranquillità. Loro sono state la dimostrazione di quanta solidarietà ci sia nel mondo del Calcio a 5, e di questo ne saremo per sempre grati. L’impossibilità di usufruire dei propri impianti è qualcosa che non auguriamo a nessuno, e grazie alle Società che hanno collaborato con noi sappiamo di non essere soli.”

 

Che progetti ha per la sua Società?

“Nata come sportiva per il sociale, ci siamo prefissati due obiettivi. Il primo è crescere fianco a fianco con i ragazzi del nostro paese, facendoli avvicinare allo sport. Il nostro obiettivo è sempre stato quello di allontanare i ragazzi dalla strada, e dar loro un’alternativa concreta. Il secondo è crescere come società. Siamo partiti con una squadra di CSI, e pian piano ci siamo fatti strada tra tante vittorie e altrettanti insuccessi. Sono stati proprio questi ultimi a farci capire quanto amiamo questo sport, e quanto sia importante il rispetto dell’avversario a prescindere dal risultato. È questo il messaggio che vogliamo trasmettere ai nostri ragazzi, al nostro pubblico e a coloro che girano intorno a questo sport.”

 

Un motivo per cui la gente non deve perdersi queste Finals cerretesi?

“Il motivo è tanto semplice quanto importante: trascorrere alcune ore nel pieno divertimento del calcio a 5 e conoscere altre realtà di questo bellissimo sport. Le Finals sono un’occasione molto importante per coinvolgere un pubblico sempre più ampio, per far sì che ci siano sempre più tifosi, e che sempre più persone inizino ad apprezzare il Calcio a 5. Un evento così non si è mai visto a Cerreto… perché perderselo?”

 

 

Peppe Gallozzi