Mister Argenziano alza l’asticella per l’Ankon Nova Marmi: “Ottenuta la salvezza, puntiamo ai play off. Stasera a Montecchio sarà dura…”

 

Mister Argenziano alza l’asticella per l’Ankon Nova Marmi: “Ottenuta la salvezza, puntiamo ai play off. Stasera a Monetcchio sarà dura…”

Famiglia Ankon Nova Marmi. Pianeta seria C2. Galassia girone A. Costellazione quinto posto.

Per interloquire con il sodalizio dorico, abbiamo intervistato l’allenatore Carmine Argenziano, vero e proprio deus ex machina del club anconetano, al suo settimo campionato consecutivo nel girone di mezzo della C regionale.

 

Carmine Argenziano

Salve Mister!

“Ciao a tutti! Ne approfitto da subito per mandare un grandissimo saluto a tutti gli appassionati di Futsal della nostra regione!”

 

Analizzando il cammino dell’Ankon da quando è nelle tue mani (terza stagione), non si può non annotare una crescita costante: da una salvezza ai play out ottenuta sul campo del Verbena al campionato dello scorso anno chiuso a quota 47 punti. Dove pensi di poter arrivare quest’anno?

“Eravamo partiti per salvarci il prima possibile. Ad oggi con 43 punti posso ritenermi più che salvo, per cui si può iniziare anche a voltare pagina e poter inserire nel mirino la zona play off."

 

In cosa è cambiata e migliorata la tua squadra in questi anni?

“Secondo me i giocatori hanno imparato l’importanza della gestione di ogni singolo pallone. Infatti ritengo che ogni istante di partita può farti vincere o perdere il match. Nel primo anno vedevo tanti errori. Ora posso sostenere che c’è stata una crescita sia tattica di squadra che anche di ogni singolo ragazzo. Anche se penso che si poteva far meglio. Soprattutto per lo spirito che io definisco “leggero” che si respira nel nostro ambiente soprattutto se paragonato ad altri contesti…”

 

Filippo NovielloCosa ti hanno dato i tre nuovi innesti in più dello scorso anno?

“A mio avviso Filippo Pippo Noviello è stato quello che, con la sua esperienza, ci ha fatto fare il salto di qualità. Oltre all’esperienza però è stato decisivo quando c’era bisogno di freddezza. Senza dimenticarci di alcune marcature molto importanti.

Danilo Pereira potrebbe farci fare il salto di qualità ma è un po’ discontinuo. Questo è un obbiettivo che mi sono posto. Riuscire a trovare la continuità nelle prestazioni di questo ragazzo. Perché ha tutte le qualità per farti vincere le partite.

Per ultimo Daniele Massetti che più ha faticato ad inserirsi nei nostri schemi di gioco. Però è anche quello tra i nuovi arrivati si sta impegnando di più e sono pronto a scommettere su di lui per il finale di campionato. Se devo scegliere una persona in grado di farci la differenza nella seconda parte di stagione scelgo lui!

Poi mi permetti di aggiungere una cosa?

 

Certamente, Mister…

“Anche Piergiorgio Burattini, un atleta che a me piace tantissimo, è da considerarsi un nuovo arrivato. Due anni fa era dei nostri ma nello scorso campionato si è dovuto fermare ad inizio torneo. Ora è tornato e con il tempo sta andando sempre meglio, migliorando di partita in partita!”

 

Ora parlaci del gruppo base della tua Ankon, cresciuto fin da quando allenavi l’under 21 del Cus Ancona.

“Devo essere sincero. Ho avuto la fortuna di allenare una squadra fortissima in un periodo in cui c’erano i mezzi per investire in ragazzi poi da prestare all’under 21. Da questa esperienza mi sono portato dietro un gruppo che mi permette di fare questa categoria e devo ammettere che senza di loro sarebbe stato impossibile affrontare questo campionato.

In particolare ti cito i due gemelli, Guido e Giovanni Campofredano, oltre al capitano Carmine Cacchione. Senza scordarmi degli altri come Altieri, decisivo contro la Virtus Fabriano dove ha realizzato una rete bellissima di tacco, Alessandro Piermattei e Francesco Giorgini, quest’ultimo a dir la verità è arrivato non dall’under 21 della Tre Colli.”

 

Ormai sono diversi anni che alleni i gemelli Campofredano. Riesci a riconoscerli?

(Grossa risata, ndr). Guarda li riconosco perché li obblighiamo ad usare le scarpe di colori diversi. C’è stato un periodo che si erano comprati le scarpette uguali e agli allenamenti era un disastro.

Poi se devo essere sincero, prima dell’ultima partita con la Futsal Ancona, negli spogliatoi nel discorso pre gara, sono andato con enfasi a dare delle indicazioni a Giovanni.

Alla fine del discorso, mentre rientravamo in campo mi si avvicina il gemello Guido e mi ha sussurrato che avevo parlato con lui…”

l'Ankon Nova Marmi 2013-2014

A proposito della Futsal Ancona. Cosa mi dici del derby di sabato scorso?

“Inutile negare che vincere questo derby, una partita in cui è presente una notevole rivalità sportiva, è stato molto positiva per noi.

Anche perché abbiamo battuto una squadra che veniva da un periodo molto positivo a dimostrazione della loro forma ottimale. Proprio sabato ho capito che anche noi stiamo lavorando bene!”

 

Stasera andate a sfidare il Montecchio in trasferta…

“Già. La vedo molto dura perché la testa vale tanto in questo sport. Loro sono partiti per vincere il campionato e sono in vetta dall’inizio della competizione. E secondo me un’organizzazione per vincere il campionato non si improvvisa così su due piedi. Sono sincero… sarà dura.”

 

 

Si, ma in caso di tre punti…

“Che ti devo dire. Partiamo con l’obbiettivo di giocare bene, di imporre il nostro gioco. Cercheremo di fare la nostra partita. Poi vedremo cosa dice il tabellino alla fine dei sessanta minuti di venerdì. Perché se dovessimo vincere non negherei che entreremmo in corsa per provare a vincere il campionato. Però è molto dura. Ma ci siamo e ci proveremo!”

 

Le distinte di gioco per la gara col Montecchio durante il viaggio, le metterai nei paraggi di Francesco Giorgini?

(Altra risata, ndr)… Mi hai fatto tornare in mente questa scena dello scorso campionato proprio in quel di Montecchio quando non trovavo le distinte e me la presi col primo malcapitato… Francesco! Bei ricordi!”

 

Chi la vince la C2 girone A?

“Secondo me l’Eta Beta.”

 

Dammi i nomi dei giocatori che ti ha impressionato in questo campionato!

“Mi conosci e lo sai che non ricordo troppi nomi. Però mi sono piaciuti molto due giocatori. Il primo è il centrale dell’Eta Beta, credo si tratti di Alessio Bruni. Poi te ne dico un altro che ci ha fatto una doppietta nella gara di andata. Ovvero Gilberto Brancorsini proprio del Città Futura Montecchio.”

 

Cosa ti ha lasciato invece il corso di allenatori?

“Mi ha lasciato molto, affinando ad esempio la mia metodologia per la preparazione atletica, spingendomi ad usare molto di più il pallone. Poi ho rafforzato alcuni miei concetti come il possesso di palla ed il percepire la situazione di gioco allenando l’atleta a reagire di conseguenza alla situazione, evitando di marcare dei confini con degli schemi di gioco rigidi.”

Dicci un nome che consiglieresti a qualche presidente in cerca di allenatori?

“Allora tralasciando la coppia Bacosi-Zampolini che è fin troppo facile nominare… ti dico Zengarini per la zona a nord e Macellari per la zona a sud.

Poi sarei curioso di vedere all’opera Pompei come allenatore! Inoltre molto bravi sono anche Marco Valori e Maria Laura Domizi. Oltre ai tanti altri abilitati al grado di allenatori.”

 

Siamo arrivati ai saluti finali.

“Ci tengo a salutare tutta la mia squadra, l’Ankon Nova Marmi ed ovviamente alla redazione di Futsalmarche, in particolare a Marco Bramucci, che mette sempre tanto impegno ed entusiasmo in questo sport. Poi vorrei mandare un abbraccio a Nicsas che è tanto che non vedo!”

 

In bocca al lupo, mister!

 

Alla prossima tappa

 

Il Ciclista

Francesco Fabretti

Mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Facebook  Ciclista Futsalmarche